Top ten per Torres in gara due e sia per Badovini che per Smith in WorldSSP

13.10.2019 – Jordi Torres (ESP), pilota ufficiale del Team Pedercini Racing by Global Service Solutions in WorldSBK, ha ottenuto il nono posto in gara due in Argentina ed è salito al decimo posto nella classifica di campionato.

Il penultimo round della stagione 2019 ha permesso al pilota del Team Pedercini Racing by Global Service Solutions WorldSBK di conquistare tre punti. Nei dieci giri della Tissot-Superpole Race, Torres si è classificato all’11° posto tra i 18 piloti che hanno concluso. In gara due, l’ultima del weekend, Jordi ha appunto conquistato il nono posto, una posizione davanti alla moto KRT ufficiale di Leon Haslam.

Partendo dalla dodicesima posizione in griglia, nella gara “sprint” Jordi ha guadagnato una posizione, guidando su una pista migliore rispetto alle difficili condizioni del sabato, in parte a causa di un calo di temperatura. La seconda gara ha invece visto Jordi quattordicesimo in griglia protagonista di una esaltante rimonta che gli ha permesso di chiudere con forza all’interno della top ten, grazie anche all’intenso lavoro di tutto il Team Pedercini Racing by Global Service Solutions che ha messo a punto soluzioni positive per la gara finale.

Con un totale di 132 punti in campionato prima del round finale l’obiettivo di Jordi è ora quello di rimanere in decima posizione con tre buoni risultati di gara in Qatar. La finale del campionato si svolgerà infatti sotto i riflettori del circuito internazionale di Losail tra il 24 e il 26 ottobre.

Jordi Torres #81 – Pilota:
“Alla fine, una buona domenica. Abbiamo finito nella top ten in gara due e ho avuto anche una grande lotta con Leon Haslam. Era difficile sorpassarlo, perché Leon frena sempre molto tardi e sul rettilineo era più veloce di me. Ho provato a sorpassare molte volte nel lungo rettilineo opposto ai box, ma è stata dura. In gara due abbiamo risolto molti dei problemi che abbiamo avuto nella gara breve, come il chattering, e ho potuto guidare più a mio agio e con più ritmo. Non male”.

Lucio Pedercini – Team Manager:
“Credo che oggi Jordi non sia stato così male in gara due e ha sempre lottato duramente, quindi sono felice. Sicuramente ha perso un po’ di tempo all’inizio, ma abbiamo recuperato e abbiamo chiuso il weekend nei primi dieci. Ora cercheremo di ottenre ancora di più in Qatar durante il round finale per chiude la stagione con un buon risultato.


WORLDSSP
Top ten per entrambi i piloti WorldSSP
.

I piloti del Team Pedercini Racing by Global Service Solutions WorldSSP Ayrton Badovini (ITA) e Kyle Smith (GB) avevano grandi speranze per il round argentino del Campionato Mondiale FIM Supersport, ma problemi di set-up hanno reso la gara per entrambi un po’ più complessa. Smith ha chiuso nono e Badovini decimo.

Dopo essere stati rispettivamente secondo e quarto in griglia, grazie a delle ottime qualifiche in un sabato più caldo e scivoloso, Badovini e Smith erano in corsa per ottenere risultati di spessore in una gara disputata in condizioni decisamente più fredde. Uno sfortunato groviglio nel primo giro ha impedito ai piloti del team italiano di poter progredire subito, ma Smith è rimasto nei primi quattro posti fino a quando ha perso il suo miglior ritmo e ha dovuto cedere, ottenendo sette punti e il nono posto. Ayrton ha perso diverse posizioni nel corso della bagarre del primo giro e non è riuscito a rientrare nel gruppo di testa rallentato da un chattering importante. Ayrton non è stato in grado di spingere per replicare il podio del round precedente in Francia.

Nella classifica generale del campionato mondiale WorldSSP Ayrton è ancora 10° e Kyle è salito al 15° posto. Smith ha già vinto la FIM Europe Supersport Cup 2019, ma ora punta a migliorare la sua classifica generale.

Il Team Pedercini Racing by Global Service Solutions completerà il suo impegno sul circuito internazionale di Losail in Qatar. La gara si disputerà sabato 26 ottobre anziché la consueta domenica, e si correrà sotto ai riflettori come è ormai tradizione a Losail.

Ayrton Badovini #86 – Rider:
“Oggi era completamente diverso dalle qualifiche perché la pista era differente, più fredda. Ho combattuto contro le vibrazioni per tutta la gara, è stato difficile e non ho potuto spingere come avrei voluto. Ora stiamo controllando i dati per capire cosa è successo, ma al momento non lo sappiamo. Mi dispiace per la mia squadra, ma sono le corse. A volte capita”.

Kyle Smith #11 – Rider:
“All’inizio della gara, nei primi cinque giri, la moto non era così male. Ho faticato a tenere il passo, ma in alcuni punti della pista mi sentivo forte. Dopo cinque giri ha iniziato a scaricare un po’ l’anteriore e non riuscivo a tenere la traiettoria, complice il fatto che ho iniziato a soffrire di chattering, e ho dovuto lasciare delle posizioni. Sono contento che abbiamo imparato molto in questa gara e ora sappiamo che abbiamo bisogno di più carico sull’anteriore. Con alcuni cambiamenti di assetto sono sicuro che possiamo essere molto più competitivi”.

Lucio Pedercini – Team Manager:
“In Supersport non sono molto contento perché pensavo che fosse possibile essere più vicino ai primi. Forse il cambiamento di temperatura rispetto al primo giorno è stato un fattore determinante. Non ho molto da dire e proveremo prima del Qatar a scoprire quali sono stati i problemi per essere più competitivi nell’ultima gara”.

2019-10-23T09:55:50+02:0014/10/2019|