Punti importanti per Torres in entrambe le gare a Portimão. Quinto posto per Badovini in WorldSSP.

08.09.2019 – Un dodicesimo e un undicesimo piazzamento, rispettivamente nella Tissot Superpole Race e in gara due, hanno caratterizzato oggi la prestazione di Jordi Torres (ESP) e del Team Pedercini Racing by Global Service Solutions nella giornata conclusiva dell’appuntamento WorldSBK di Portimão (P).

Partito settimo in griglia nella corta gara di dieci giri che ha aperto le ostilità della giornata, Torres ha combattuto con determinazione e ha chiuso al dodicesimo posto. Il centauro spagnolo ha chiuso secondo in un gruppetto di quattro piloti, conquistando i primi punti disponibili al di fuori della top ten.

Nella seconda gara da venti giri Torres è partito decimo, chiudendo undicesimo e finendo a 20.888 secondi dal vincitore. Questo risultato ha dimostrato il suo ottimo passo e il fatto che la prestazione non si sia tradotta in un piazzamento nella top ten, non sminuisce la grande grinta con la quale Torres ha lottato in pista contro gli avversari. Jordi cercherà ora di adattare al meglio le impostazioni elettroniche della sua moto al suo stile di guida, per trovare un maggiore spunto nelle fasi iniziali delle accelerazioni in uscita di curva.

Il prossimo appuntamento per il Team Pedercini Racing by Global Service Solutions nel Campionato Mondiale Motul FIM Superbike 2019 sarà l’ultima gara della stagione europea e la terzultima dell’anno in programma a Magny-Cours (FRA) dal 27 al 29 settembre.

Jordi Torres #81 – Pilota:
“In entrambe le gare abbiamo cercato di raggiungere il massimo, ma dobbiamo ancora lavorare per adattare la moto al mio stile di guida. Allo stesso tempo ho bisogno di cambiare qualcosa nel mio stile per ottenere il massimo delle prestazioni con questa moto. Nonostante questo oggi nella gara sprint abbiamo fatto una buona prestazione e abbiamo lottato molto in pista. Nella seconda gara abbiamo cambiato i nostri settaggi e mi sono sentito più a mio agio in sella. La prestazione è stata migliore di ieri, la moto era migliore, ma dobbiamo risolvere alcuni problemi con il controllo di trazione per migliorare in accelerazione: nella prima parte dell’uscita di curva mi sento un po’ più lento rispetto agli avversari. C’è da dire però che su questa pista è sempre un piacere guidare”.

Lucio Pedercini – Team Owner:
“Per quanto riguarda il nostro weekend Superbike non posso dire che oggi non sia stata una buona gara, perchè alla fine abbiamo chiuso undicesimi a 20 secondi dal vincitore Bautista. Certo è che quando sei lì vicino, vuoi qualcosa in più! Vedremo al prossimo appuntameto e spero che a Magny-Cours si possa fare ancora meglio”.


WORLDSSP
Quinto posto per Ayrton Badovini in Portogallo.

08.09.2019 – Eguagliando il suo migliore risultato dell’anno ottenuto a Imola, Ayrton Badovini (ITA) ha conquistato a Portimão un ottimo quinto posto per i colori del Team Pedercini Racing by Global Service Solutions nella gara valida per il Campionato Mondiale FIM Supersport 2019.

Sfortunata la corsa di Kyle Smith (GB). Il pilota #11 ha dovuto prima partire dai box per aver superato il numero massimo dei motori consentiti dal regolamento. Al quarto giro Kyle è stato poi costretto al ritiro per una caduta dopo il contatto con un pilota più lento in una fase di frenata, episodio che non gli ha permesso di sfruttare l’ottimo passo iniziale in linea con quello dei piloti di testa.

Nelle qualifiche della Superpole di ieri, Badovini ha chiuso con il sesto miglior tempo, assicurandosi la partenza dalla seconda fila. Nonostante anche Smith avesse dimostrato di essere tra i primi dieci in qualifica, la retrocessione con partenza dai box ha di seguito determinato l’evolversi della sua prestazione. La stessa gara della WorldSSP non ha raggiunto i 18 giri previsti, in quanto al quattordicesimo passaggio la sfida è stata interrotta con una bandiera rossa e i risultati sono stati calcolati in base alle posizioni del giro precedente.

Nella classifica generale del Campionato Mondiale FIM Supersport Badovini è ora undicesimo e Smith diciassettesimo, ancora in testa alla classifica del Campionato Europeo ESS.

Il Team Pedercini Racing by Global Service Solutions si preparerà ora per la sfida di Magny-Cours (FRA), decimo round della stagione WorldSSP in programma dal 27 al 29 settembre.

Ayrton Badovini #86 – Pilota:
“La Superpole è stata molto positiva, ho trovato un altro pilota durante il mio giro più veloce, ma non è stato un grosso problema. Abbiamo replicato lo stesso risultato di Imola in gara, ma la storia è stata diversa. A Imola abbiamo avuto un pizzico di fortuna, mentre qui siamo stati veloci fin dal primo giorno. Avevamo bisogno di qualcosa in più per lottare per le prime posizioni, soprattutto nei primi due giri, ma possiamo iniziare ad essere vicini ai primi piloti in ogni gara. Il test mi ha aiutato, ma anche i nuovi componenti della moto hanno migliorato il pacchetto. Abbiamo iniziato a migliorare la moto e tutto è cambiato, le sensazioni in sella sono decisamente positive. Questa è stata la prima gara in cui sono stato vicino ai piloti di punta per tutta la sfida, un ottimo segnale”.

Kyle Smith #11 – Pilota:
“Sono dovuto partire dai box e una volta in pista avevo molti piloti davanti da superare. Ovviamente non tutti i piloti possono essere veloci come i migliori, ma con alcuni la differenza di velocità è notevole, oltre al fatto che usano traiettorie diverse. Ho raggiunto un pilota alla prima curva e non ho nemmeno provato a superarlo. Ho frenato un po’ prima perché ho preso in considerazione il fatto che ero nella sua scia, ma mi stavo avvicinando molto velocemente nonostante frenassi molto forte e ci saremmo scontrati. Così ho rilasciato il freno e sono entrato dentro cercando di superarlo, ci siamo toccati ed entrambi siamo caduti. Abbiamo fatto dei miglioramenti qui dopo i test e mi sono sentito molto bene in sella, ma partire dai box e rimontare tutto il gruppo è sicuramente molto impegnativo”.

Lucio Pedercini – Team Owner:
“Una gara molto buona per Ayrton: penso che solo migliorando la partenza avrebbe potuto finire sul podio. Un peccato anche per la bandiera rossa nel finale che non gli ha consentito di superare Cluzel. Il quinto posto è stato un buon risultato. Sono un po’ arrabbiato per Kyle, al secondo giro ha segnato un 1’46 come i primi, ma ha avuto un problema con un pilota più lento”.

2019-09-08T23:34:47+00:0008/09/2019|