Il maltempo caratterizza il primo giorno di azione in Francia

27.09.2019 – Il maltempo ha caratterizzato il primo giorno di azione in pista a Magny-Cours (FRA) per il Pirelli French Round del Campionato Mondiale Motul FIM Superbike 2019 e del Campionato Mondiale FIM Supersport 2019. In WorldSBK il Team Pedercini Racing by Global Service Solutions, impegnato con Jordi Torres (ESP), ha concluso la giornata di apertura con un sedicesimo assoluto nella classifica combinata dopo che Torres ha segnato il dodicesimo tempo nella seconda sessione di prove libere, completamente bagnata.

L’ultimo round europeo della stagione 2019 è stato spesso condizionato da condizioni instabili e così è stato oggi. La prima sessione si è svolta con pista umida che è andata via via asciugando nel corso del turno e ha visto Torres impegnato in diciassette giri che gli hanno permesso di saggiare le reazioni della moto in queste condizioni. Nella seconda sessione, decisamente bagnata, il pilota spagnolo ha segnato un buon dodicesimo tempo.

Lo staff tecnico del Team Pedercini Racing by Global Service Solutions elaborerà ora un piano provvisorio per una prima gara che potrebbe domani essere bagnata, ma allo stesso tempo dovrà individuare delle valide soluzioni anche per le condizioni di pista asciutta che dovrebbero caratterizzare il round già dal pomeriggio di domani fino a tutta la giornata di domenica.

Nella giornata di sabato aprirà la terza sessione di libere prima della Tissot Superpole che stabilirà la griglia di partenza di gara uno, in programma alle 14:00. Altre due gare in scena domenica: la corta Tissot Superpole Race di dieci giri e la seconda gara a lunghezza completa, 21 giri.

Giornata altrettanto tecnica e difficile da interpretare per il Team Pedercini Racing by Global Service Solutions in WorldSSP con i piloti Ayrton Badovini (ITA) e Kyle Smith (GB). Anche la 600cc ha disputato una prima sessione umida e una FP2 completamente bagnata. Badovini ha chiuso ottimamente al quarto posto assoluto e Smith al dodicesimo nella classifica combinata, ma nella seconda sessione il pilota britannico è stato il più veloce di tutti, con 1.191 secondi di margine sul primo inseguitore.

Jordi Torres #81 – Pilota:
“Oggi ho cercato di prendere confidenza con il bagnato e non ho fatto molto di più. E’ stato uno di quei giorni in cui per andare più veloce occorre rischiare ed è facile cadere. Non abbiamo fatto così tanti giri, abbiamo cercato di analizzare i dati e trovato un assetto per il bagnato. Speriamo che domani ci siano condizioni meteo migliori, ma in caso di pioggia utilizzeremo la nuova gomma wet, che secondo i tecnici Pirelli è migliore. In questo momento, quando si rilascia il freno e si entra in curva, la moto è molto neutra ed è facile far scivolare il posteriore anche senza frenare. Se domani sarà bagnato dovremo solo cercare di risolvere una o due questioni”.

Lucio Pedercini – Team Manager:
“E’ stato assolutamente corretto stare attenti a non cadere perché le previsioni meteo per il resto del weekend sono migliori e mi auguro che questo sia vero. Sappiamo che Jordi non è particolarmente a suo agio in condizioni di bagnato e quindi con le previsioni che sembrano volgere al bello non volevamo che oggi si prendesse un rischio, specie in una giornata così anomala. Nella WorldSSP Kyle ha fatto il giro più veloce in FP2, sul bagnato. Aveva un piccolo problema questa mattina, ma lo hanno risolto. Ayrton ha fatto solo due o tre giri in FP2 ed è andato bene al mattino. Entrambi i nostri piloti sono molto bravi sul bagnato. Vedremo cosa succederà domani”.

2019-09-29T22:31:31+00:0027/09/2019|